Bernarda, Manzo

Gordon, i 18enni e il mio amore contrastato

Io lo amo. Sono una specie di fanadolescentemaicresciuta, ma ad ognuno il suo. C’è chi adora i campioni di sport, chi gli attori, e io adoro Gordon. È la web star del momento, fa dei video dissacranti sulle ragazze e ha avuto un successo pazzesco. Ed è pure caruccio, chevvelodicoaffare.
Una volta saputo che veniva a Lucca ho cominciato a fare stalking molesto alle mie amiche perché DOVEVO vederlo, e così ne ho trovata una, un agnello sacrificale che si è immolata a seguito delle mie pressanti richieste. Bernarda era anche mezza malata e abbiamo rischiato di saltare quella che sarebbe stata la serata più fuori-età della storia di tutti i trentenni della galassia.
Bernarda popputa mi aveva avvisato, o almeno aveva tentato anche con certa determinazione: “Ma ci saranno i ragazzi giovanissimi, cosa andiamo a fare?”
Niente. L’amore supera ogni ostacolo, e io da quell’orecchio non ho voluto proprio sentirci, convinta che il mio amato richiamasse anche un entourage più vicino al mio anno di nascita.
“Ecchessaràmmai, vedrai che troveremo anche altri ragazzi come noi. Dai che quando ci ricapita? Mica tornerà presto a Lucca!”
La mia amica, mezza malata, un po’ abbioccata dalla tachipirina e dalle 12 ore di sonno della giornata si avvia comunque a passo strascicato.
Una volta giunte, la sciagura.
L’età media andava dai 16 ai 25 (ma massimomassimomassimo). E io di anni ne ho 29. E comunque erano tutti 18enni. C’erano anche dei 18esimi ai tavoli.
Perché vecchi bagianoni miei, alla fine non vi rendete conto di quanti cazzo di anni avete finchè non vi ritrovate letteralmente circondati di pischelli dalle pelli di pesca e dai corpi leggeri come piume. È stato uno SCIOC.
Io comunque rimango gasata, e sguazzo nei ventenni come uno di quegli uomini di mezza età con la panza e il riporto che nelle discoteche si muovono in modo scoordinato e avvicinano il pacco alle ragazze da dietro. Cerco di coinvolgere anche Bernarda, che nel frattempo ha lo sguardo vitreo da quando siamo entrate, e fisso come una statua. Cioè non batteva nemmeno le palpebre. Continuava a battere la testa nel muro in modo stereotipato come in certe psicosi, ripetendo che questa serata l’avrebbe incisa nella lapide.
“Ricordati cos’ho fatto per te, sfigatona. Ricordatelo sempre” mi ha detto. Un monito inciso nella mia mente ‘til death.
Incontro anche il fotografo, che conosco da diverso tempo, e lui mi guarda come chi vede un animale preistorico in un bagno chimico ad un concerto e mi urla nell’orecchio:
“Ora devi scrivere un articolo su di TE, che sei venuta QUI!!!”… come dargli torto.
Giunge infine il mio amatissimo sul palco, ed ha un’energia pazzesca, è divertente, ironico, coinvolgente e figo. E torno 18enne anch’io per una mezzoretta.
Il suo motto è “Si sboccia poveri!” e chiude l’animazione con lo sboccio vero dello spumante, che io becco in pieno perché ero tra le prime file; poi annuncia che nell’altra stanza avrebbe fatto le foto di lì a poco, e io e Bernarda aspettiamo qualche minuto, prima di renderci conto che eravamo stanchissime, annoiate dalla musica che non ci piaceva e con i capelli che odoravano di spumante. Mi chiede se voglio aspettare ancora, ma decidiamo di andar via.
E niente, il finale sfigatone è il mio motto del blog. Dopo tutta questa infoiata dichiarando che sarei anche andata in pellegrinaggio a piedi da lui, la pantofola, la tachipirina e 10 anni di media in più hanno prevalso. Comunque sono rimasta contenta di averlo visto anche se per poco ed anche se non l’ho limonato duro come mi ero ripromessa; avevo anche una mezza idea di rapirlo per farlo diventare il mio fidanzato, ma non credo che avrebbe gradito molto.
Al ritorno mi sono beccata pure la pioggia. Senza ombrello. Ho un mega motto pure io:
“Si spioggia, povera”!

  • 29(ex)incompresa

    Oh bene…almeno siamo due 29enni con lo stesso problema. Questo mi consola proprio!!! Devo dirlo alle amiche che mi perculano da non so quante settimane!!
    Ormai si esce solo al grido di “Si sboccia poveri” o in alternativa “Questa sera faccio l’asciugapozzanghere”.
    Il tuo post mi consola veramente 😉

    • Fan trentenni di Gordon UNIAMOCI!!! smettiamo di nasconderci tra le fighissime diciottenni e sbocciamo!!! Se ti va seguimi su fb alla pagina Stai Manzo, e grazie per il commento !

  • 29(ex)incompresa

    Noi abbiamo 30 anni di esperienza su come si sboccia!!!
    Comunque blog fichissimo…meno male che Gordon ti ha ricondiviso!!!

    • Esperienza a pacchi ! Conquistata a botte di sfiga e culate nelle discoteche. 😛 Grazie mille, mi onori!

  • Chiara

    Ho letto il tuo bellissimo racconto dopo che Gordon lo ha pubblicato in pagina e non posso che condividere ciò che hai scritto.. dovevo per forza lasciarti un commento.. mi sento meno sola sapere che non sono l’unica matta 30enne a seguirlo nelle serate in giro per l’italia, e amarlo. Le mie amiche mi danno della pazza.. fortuna che c’è chi capisce cosa si prova!! :) un bacione!

    • Grazie Chiara! Mi sta davvero montando l’idea di creare il megagruppo delle fan trentenni di Gordon! Amiamolo tutte insieme ! Ahahah!

  • Ileana

    Ok, mi sento leggermente idiota a commentare qui perchè, cioè, ho esattamente 18 anni quindi, ecco le parole “fuori posto” mi rimbombano in testa. Ad ogni modo, della serie “la sfiga non è mai troppa”, io ho scoperto che gordon era nella mia città la sera dopo che era stato qui. Si è “poveri” a tutte le età, pure a 18 anni.

    • A 18 anni l’unica cosa che puó essere fuori posto é il trucco dopo una serata sbocciata. 😉 La sfiga é universale e abbatte il tempo e lo spazio!

  • IlFotografo

    Giuro che il pezzo lo scrivo davvero! 😀

    • Sarebbe interessante raccontato dal tuo punto di vista, giuro che la tua faccia quando mi hai visto era irripetibile!