Bernarda

Le ragazze, i vestiti aderenti e il colon irritabile

La mia amica Irene mi ha concesso di nominarla. È una Bernarda luccicante: ha uno stile unico nel vestirsi, (ha studiato moda), è mondana, determinata e alla mano. L’ho incontrata l’altra sera in un locale per fighetti della mia città. Io ci vado sempre volentieri perché mettono musica molto carina che mi consente di ballare ininterrottamente per due ore e divertendomi anche. Per quanto riguarda la gente, la fighettitudine della mia città e di parte della mia generazione ha raggiunto livelli tragicomici. Ne dovrò scrivere prima o poi, perché non pensavo fosse così grave, e non so se questi personaggi sopravvivranno al prossimo mojito. Ai posteri.
Ma torniamo a noi. Mi accoglie con uno scecherio di bootie degno di una mamacita del ghetto, e scoppio a ridere. Le chiedo come sta, e lei dopo nemmeno un minuto e mezzo mi stramazza al suolo così:
Io non lo so, ma son gonfia come un pallone! Guarda, appena mi son vestita (una tutina glitter argento a pantaloncino corto brillosisssssssima. Adooooovo.) ero super sgonfia, adesso sembro incinta” si mette al vetro dell’ingresso di profilo, studiandosi attentamente una pancetta per niente antiestetica, anzi, molto tenerina.
“Perché? Che è successo?
“Ma boh… sarà il colon…irritabile!” poi mi guarda, ci pensa su e dice: “O forse sarà l’alcool?” storce la bocca, riflette qualche istante e poi zampetta allegramente verse le sue amiche “Via oh, c’ho d’andà via! Ciaoooo!” lasciandomi a ridere come una pazza.
La Bernarda protagonista mi ha suggerito un argomento assai delicato e sempremente attuale: il colon irritabile. Esso è traditore e tiranno. Tu sei lì che ti prepari e ti rimiri allo specchio pronta a dimenare il big bootie per tutta notte con il tuo vestito superfigo, superaderente e che ti cade a pennello. Per le prime due ore. Se bevi anche solo un goccio di spumante Gancia la pancia esplode, cominci a sentirti lievitare come un panetto per la pizza e via, il vestito tira. La pancia fa il suo ingresso trionfale lungo tutta la tua serata, e tu te la porti dietro come un marsupiale. Fine della storia, senza possibilità di appello.
L’alternativa è non bere, non mangiare, non ingerire aria per tutta la serata, così da avere nell’ordine: due cali glicemici, fame nervosa, sobrietà dolorosa.
Oppure ti vesti a sacco, con abiti talmente larghi che ti chiedono se li hai comprati nel reparto prémaman, così sei sicura che puoi bere 5 cocktail e fare due colazioni notturne senza che nessuno ti chieda da quanti mesi aspetti e che sesso ha.
Oppure (opzione preferita) te ne strafreghi e figheggi con la tua pancetta e il tu vestito, perché in realtà tu sei superfiga, lo sarai sempre e anche i manzi (quelli veri, quei 4 rimasti su tutta la piana) ti apprezzeranno se non te la meni per dettagli fisici. Guarderanno il tuo sorriso e i tuoi occhi luminosi, non la tua pancia un po’ viziosa.

Ma ora che ci penso…più mi irrito e più il mio colon si irrita con me?
Allora son spacciata.

  • Irene Bernarda Glitter

    Lov you MAMA!!!!

    • I wanna hear u callin’ my name, like HEY MAMA MAMA MAMA!!!

  • Giacomo

    Ma quando una è figa è figa..con pancia isterica o senza…
    C’è di molto peggio in giro…